mercoledì 30 dicembre 2009

Digitale terrestre: uno spot inutile

"Da Palermo a Mestre, è in arrivo il digitale terrestre", suona più o meno così il verso finale della zuccherosa filastrocca in onda in questi giorni festosi di fine anno sulle reti Rai. Uno spot in piena regola che ha i visini allegri e teneri di alcuni bei bambini che recitano questa assurda poesiola.
Perché questo spot? Il digitale terrestre è come un panettone, un dentifricio, un'auto che hanno bisogno della pubblicità per convincere i consumatori? No, il digitale terrestre è un obbligo, un'imposizione alla quale non si può sfuggire, che arriva nel momento più inopportuno, nel bel mezzo di una crisi economica durissima. Gli si può dire di no e continuare a vedere la tv come prima? No. E allora, che bisogno c'è di reclamizzarlo? Buon anno a tutti.

giovedì 24 dicembre 2009

Auguri e menzogne davanti al presepe

"Il governo adotterà tutte le misure necessarie per garantire la serenità e la pace sociale": questa la promessa fatta da Berlusconi nella sua lettera d'auguri a papa Benedetto XVI. Bene, bene, questo vuol dire che finalmente l'esecutivo interverrà concretamente sul problema più grave per milioni di famiglie italiane: il lavoro. Forse per gli operai della Fiat di Termini Imerese, per quelli della Yamaha e per dipendenti dell'Eutelia, per i numerosi altri di aziende grandi e piccole in tutta Italia, per i milioni di precari, cassintegrati eccetera, si aprirà uno spiraglio di speranza.
Vediamo quindi quali sono i primi impegni nell'agenda dell'esecutivo per l'anno nuovo: la legge sul legittimo impedimento a presentarsi in Tribunale, il "processo breve", il nuovo "lodo Alfano".
Qualcosa non torna. Va be' che la serietà non è virtù di questo governo, ma la presa in giro anche a Natale è davvero troppo.

domenica 20 dicembre 2009

La mia preghiera di Natale

Caro Gesù Bambino e caro Babbo Natale, da tempo convivete come una collaudata, benché anomala, coppia di fatto nelle case di molte famiglie italiane dove c'è armonia, dove si finge che ci sia, e dove non ce n'è; nelle stanze degli ospedali abitate da dolore e speranza; nelle carceri; in alcune scuole; in alcune piazze; nelle chiese ricche, in quelle povere e in quelle di frontiera. Anzi, a Babbo Natale, già avanti con gli anni, hanno chiesto anche di fare gli straordinari nei centri commerciali. Di una cosa vi prego: ribellatevi, dite basta, fermate il chiasso, il mercato, il frastuono che stordisce la mente e mette a tacere il cuore; ridateci la spiritualità del Natale, la sua umanità, il suo calore, il suo messaggio universale di amore, solidarietà, accoglienza e pace. Ma sbrigatevi. Se non lo fate subito, potreste perdere il posto che occupate da oltre duemila anni: in questi giorni ho già sentito qualcunaltro dire che l'amore vincerà sull'odio, che il suo sacrificio di sangue non sarà vano, eccetera eccetera. Sta perfino risorgendo in anticipo sulla Pasqua.
Buon Natale e pace a tutti.

lunedì 14 dicembre 2009

Non doveva accadere

Il gesto folle di una persona isolata e psichicamente fragile rischia di peggiorare ulteriormente le condizioni, già molto critiche, del confronto politico nel nostro Paese. Quel che è accaduto ieri sera alla spalle del Duomo di Milano non doveva accadere. E non sarebbe accaduto se, invece di infiammare la lotta politica con toni sempre più accesi e provocatori (primi fra tutti quelli dello stesso premier e dei suoi alleati della Lega), la maggioranza avesse tenuto toni bassi e il dibattito civile.
Il drammatico ferimento di Berlusconi lo pagheremo tutti, e lo pagheranno soprattutto la democrazia e la speranza di ritrovare quel Paese imperfetto ma normale, che anni di berlusconismo hanno spazzato via.

sabato 5 dicembre 2009

Avanti o popolo dalla bandiera viola

Giornata strana, oggi. Stamattina sui quotidiani si potevano leggere notizie come queste: il mafioso pentito Gaspare Spatuzza ha tirato in ballo Berlusconi per gli attentati del '92 e ' 93, tra cui quelli in cui persero la vita i giudici Falcone e Borsellino e la loro scorta; Vittorio Feltri, direttore del Giornale, si è rimangiato, senza neppure chiedere scusa, le accuse infamanti che tre mesi fa hanno costretto Dino Boffo, direttore dell'Avvenire, a dimettersi pagando un prezzo altissimo per la sua dignità, che nessun Tribunale potrà mai risarcirgli; è cominciata la corsa ai "legittimi impedimenti" del capo del governo a presentarsi in giudizio per le udienze del processo Mills; la tragedia di Stefano Cucchi, il giovane entrato vivo in carcere ed uscito morto, sembra non avere responsabili ("Sarà morto di vecchiaia", ha detto con dolore e amarezza giorni fa sua sorella), ed è solo forse la più significativa tra altre storie analoghe; a Biella, un immigrato senegalese che chiedeva il pagamento di tre stipendi arretrati, è stato accoltellato e ucciso dal suo datore di lavoro. Sembra davvero che non ci sia mai limite al peggio.
Per fortuna, già dal primo pomeriggio, si poteva percepire che l'aria stesse cambiando. La grande manifestazione "No B day", organizzata a Roma dal popolo della rete, allargata ad altre città italiane, d'Europa e perfino d'Oltreoceano, è stata una vera boccata d'ossigeno per questo Paese ormai intossicato da anni di berlusconismo invasivo. Quel che non è riuscita a fare l'opposizione l'hanno fatto i cittadini della "rivoluzione viola": scendere in piazza per esprimere indignazione, rabbia e speranza. Tra gli interventi, durissimo il discorso pronunciato da Salvatore Borsellino, fratello del giudice martire.
Auguriamoci che questa manifestazione non resti un fatto isolato, che la politica ne tenga conto, che sia seguito da altre iniziative utili per non farci più vergognare del nostro Paese. Non c'è solo "il popolo" che ha eletto Berlusconi: c'è anche quello che vuole mandarlo a casa, ed è sempre più numeroso. Che bellissima giornata, oggi.

martedì 1 dicembre 2009

Operai Yamaha: Valentino Rossi non risponde

La casa giapponese Yamaha dall'8 gennaio chiuderà la fabbrica di motociclette di Lesmo (Monza e Brianza) per trasferire la produzione in Spagna. Una decisione irrevocabile che mette in ginocchio 66 lavoratori e le loro famiglie.
Yamaha è un marchio famoso nel mondo delle corse, è quello della moto con cui corre il pluricampione del mondo Valentino Rossi. Gli operai, che hanno più volte contribuito alle vittorie del dott. (ad honorem) Rossi, gli hanno rivolto un appello, una richiesta di aiuto.
Niente. La sensibilità sociale del campione è stata uguale a zero. Finora non ha neppure risposto all'appello dei "suoi" operai. Certo, aspettarsi un gesto di solidarietà da un campione che si è ben distinto anche in evasione delle tasse (con i 35 milioni di euro pagati al fisco invece dei 112 milioni che avrebbe dovuto) forse è stato troppo.

domenica 29 novembre 2009

Un lavoro al padre per far studiare il figlio

Il padre è stato licenziato e il figlio di 17 anni vuole abbandonare la scuola per cercarsi un lavoro e aiutare la famiglia. La storia del bravo studente di Rovereto, che rinuncia al diploma da geometra, ha suscitato molto interesse e partecipazione da quando è apparsa su un quotidiano locale e sul Corriere della sera.
Mariastella Gelmini, ministro dell'Istruzione, si è dichiarata disponibile a trovare una soluzione affinché il ragazzo possa continuare la scuola. Anche un imprenditore di Rovereto, consapevole dell'importanza della formazione, e per non lasciar passare il messaggio che lo studio sia un'opportunità riservata ai benestanti, con una lettera inviata al Corriere della sera, ha dichiarato la sua volontà a impegnarsi per trovare "una soluzione che soddisfi le ambizioni professionali del genitore e consenta allo studente di tornare a scuola per conseguire il meritato diploma".
Una storia che sta per avere un lieto fine. Bene, non si può che essere felici per la svolta positiva di questa vicenda. Ma quanti sono i padri disoccupati di figli che non possono continuare gli studi? E quanti saranno, visto che la perdita di posti di lavoro è un'emorragia inarrestabile? Non basta risolvere un caso, venuto alla luce grazie a un'iniziativa della preside dell'istituto: il problema dell'abbandono scolastico per cause economiche richiede interventi strutturali, non solo quando il caso appare sui giornali.

mercoledì 25 novembre 2009

Vespa, l'inquisitore

Bruno Vespa non fa più il giornalista. Le ultime due puntate di Porta a porta sono state lunghi interrogatori, non interviste, a due transessuali: "China" (la sera di lunedì 23/11) e "Natalie" (ieri). La prima perché amica di "Brenda", la trans trovata morta asfissiata in casa; la seconda, perché coinvolta, con "Brenda", nel caso Marrazzo.
L'atteggiamento di Vespa, perfino nella postura, era proprio quello di un inquisitore, di un poliziotto moralista che quasi si compiace di sguazzare in tutto quel fango: occhi come lame, ciglia aggrottate, domande che frugano nella vita e nell'intimità delle persone, insidiose, all'apparenza anche un po' morbose.
La prima sera, in studio, davanti al modellino aperto (un must del programma) della casa scenario del delitto (in questo caso, reato ancora da provare), lieve imbarazzo dell'inquisitore quando "China" gli ha detto che le misure del soppalco erano completamente sbagliate.

lunedì 23 novembre 2009

Presidente Fini, non basta dire "stronzo"

Un'altra iniziativa in nome di una legge razzista. Dopo l'operazione White Christmas, avviata dal comune di Coccaglio (Brescia), allo scopo di allontanare dal territorio comunale gli immigrati irregolari, e poter celebrare finalmente, secondo i promotori dell'iniziativa, un "Bianco" Natale, ecco un'analoga operazione decisa dall'amministrazione di San Martino Dall'Argine (Mantova), che sollecita i suoi cittadini (nati e residenti per caso in Italia, dico io) a denunciare gli irregolari (nati casualmente in un Paese povero e/o in guerra e presenti per fame, paura e condizioni di vita disumane in Italia).
Accusate di razzismo, le due amministrazioni hanno spiegato la ragione di questi inviti alla delazione con la semplice esigenza di rispettare la legge che ha istituito il reato di clandestinità (n. 94 del 15 luglio 2009). Per fare un esempio: rubare è un reato; se si coglie in flagrante un ladro corre l'obbligo morale di denunciarlo. La clandestinità è un reato; quindi, se si scopre un clandestino.... Ho paura che questi cattivi esempi di zelo facciano scuola.
Presidente Fini, non basta dare pubblicamente dello stronzo a chi ha un comportamento razzista: si dia da fare, invece, per cambiare la legge (che porta anche il suo nome) e, soprattutto, per cancellare il reato di clandestinità, un'offesa grave alla dignità e ai diritti dell'uomo.

venerdì 20 novembre 2009

"Processo breve": ne salterà uno su cento. Quale?

A proposito delle conseguenze del "processo breve", l'ineffabile ministro della Giustizia, Angelino Alfano, prevede che a cadere in prescrizione sarà solo un processo su cento. Appunto. Indovinate quale.

giovedì 19 novembre 2009

A qualcuno piace l'acqua

Passata la legge, la gestione dell'acqua passa ai privati. Gli imprenditori privati che avranno gli appalti ringraziano. Ma non voglio entrare nel merito dell'importante significato politico, di segno negativo, di questa norma, e mi limito a un'osservazione che riguarda "le tasche degli italiani", per usare un'espressione cara alla demagogia di chi ci governa.
Secondo le stime delle associazioni dei consumatori, le tariffe del servizio idrico per gli utenti potrebbero aumentare mediamente del 30%.
Prima ci hanno detto di consumare tranquillamente l'acqua del rubinetto perché, a parità di qualità, costa meno di quella minerale. Adesso che questo vantaggio sembra destinato a svanire, forse diventerà più conveniente usare l'acqua in bottiglia, magari con le bollicine, pure per lavarsi i denti.
Anche i produttori di acque minerali ringraziano.

"Ambrogino d'oro": che meriti ha Marina B.?

Maria Elvira (detta Marina) Berlusconi riceverà il prossimo 7 dicembre l'"Ambrogino d'oro", uno dei massimi riconoscimenti (certamente il più mediatico) che il comune di Milano assegna ogni anno ai cittadini, alle imprese e alle istituzioni che si sono distinti nel fare crescere e nel dare prestigio alla città. La proposta è stata fatta da Letizia Moratti, sindaco di Milano.
Che meriti ha Marina Berlusconi? Il suo curriculum è molto scarso, del resto non ha mai dovuto presentarlo a nessun direttore delle risorse umane (ex direttore del personale) di nessuna azienda, ma l'ascesa, per diritto di nascita, è stata fulminea.
E' la primogenita, come tutti sanno, di Silvio Berlusconi e della sua prima moglie Carla Dall'Oglio. I suoi studi, dopo la maturità classica, si fermano. Per lei, oltre ai natali, più che l'istruzione è valsa la pratica sul campo. A trent'anni, con la benedizione del suo tutor Fedele Confalorieri, è vicepresidente di Fininvest, la holding di famiglia (presidente dal 2005). Nel 2003 diventa presidente della Mondadori. Da un anno è anche nel consiglio di amministrazione di Mediobanca. Per la rivista Forbes, Marina B., 43 anni, è la donna italiana più potente (nella classifica mondiale è al trentatreesimo posto).
Va bene, è una manager grintosa (alla sua immagine aggressiva contribuiscono anche i minitailleur strizzati in vita, le scollature generose per sottolineare il buon lavoro del chirurgo estetico, il trucco sempre pesante per fare velo a un altro buon lavoro dello stesso chirurgo e, immancabile, il tacco dodici) che guida con pugno di ferro gli interessi di famiglia nella carta stampata. Ma la casa editrice Mondadori non era già stata premiata l'anno scorso con una grande medaglia d'oro? Che bisogno c'era di reiterare in questo modo il premio? Ripeto: che meriti ha Marina Berlusconi?

mercoledì 18 novembre 2009

"Perché Berlino ha riaperto la mia ferita"

Ho ricevuto da Glauco Maggi, amico e collega (lavora per La Stampa da New York) questa bellissima testimonianza. Sono parole forti, perché forte è stata la sofferenza di milioni di persone private del bene primario, la libertà.
"Ho un ricordo di Berlino pure io, cara Valentina. Ci andai finito il liceo, nel 1968, con la tessera della Fgci in tasca e con Popi Saracino, e mi pare che stessimo già progettando, se non lo avevamo già fatto in quei mesi, di migrare ad altri lidi più rossi e puri che offriva a quel tempo la frastagliata e ancora molto orgogliosa sinistra socialista e comunista.
Ricordo il passaggio dal Charlie Point da ovest a est, cioè dal technicolor della Kurfuerstendam al bianco e nero dell'altra metà. Curioso modo di dipingere l'avvenire, ma allora non me lo chiesi. Pagai volentieri i dieci dollari di entrata nella DDR, anche se le guardie di frontiera ci fecero mettere nudi per ispezionarci, dopo aver frugato nelle tasche e nel portafoglio, tessera e passaporto foglio per foglio. Non si capacitavano di questo turismo ideologico, i Vopos, perché loro sapevano dove erano, a differenza di noi.
Ho rivisto poi altre due volte l'est comunista prima del 1989, in Polonia e in Ungheria. Della Polonia ricordo le chiese a Cracovia straboccanti e il giornale Tribuna Ludu a Varsavia.
Ero correttore di bozze al Corriere in gita con i compagni sindacalisti e del partito. Era il 1975, e il viaggio era un pellegrinaggio ai campi di sterminio nazisti. Il compagno di avventura, allora, era Paolo Cagna, diventato poi un top sindacalista ortodosso. Al tempo eravamo entrambi della sinistra che "la sapeva giusta", quella composta dall'ala chic di Magri e della Castellina e dall'ala ex trozkista di Avanguardia Operaia.
Scrissi, da amatore non pagato, la mia prima corrispondenza estera proprio su quell'esperienza. Più grandicello, e senza tessera del Pci, potevo almeno cominciare a vedere qualcosa oltre la cortina: per esempio le desolate campagne con i buoi al posto dei trattori, mercatini semiclandestini con le carote e le patate coltivate in proprio, frotte di cambiavalute truffatori che assediavano gli stranieri. Ciò che ricordo, a dispetto della palese ostilità della gente, giovani soprattutto, al loro regime, è il negazionismo di tanti nostri compagni del gruppo. Guai a scalfire il mito, anche se era tutto lì a portata di intelligenza.
In Ungheria, per un convegno di banche a cui partecipai come giornalista, seppi altre minuzie di vita comune: a Budapest l'acqua e la corrente erano razionate, e la gente con cui si parlava disperava di poter mai uscire dai confini di Stato per andare a ovest. Solo in Russia o DDR potevano emigrare e per periodi limitati.
Più di recente, a muro crollato da sette anni, visitai per lavoro Cuba. I bambini a scuola dovevano farsi fare dalla maestra la richiesta per il paio di scarpe quando ne avevano bisogno, e chi lavorava nei villaggi turistici ci raccontò che, per visitare il fratello nella cittadina a 20 km di distanza, doveva farsi fare il visto dal commissario politico. Anche il quel viaggio, gli altri giornalisti italiani riuscirono a tenere la testa ben fasciata nei miti del Che e della sanità superiore di Fidel per non vedere il palese: povertà da terzo mondo a L'Havana e da quarto mondo nelle campagne. E un regime oppressivo dalle radici lontane e senza futuro per i suoi sudditi che non fosse la fuga in Florida.
Ho sfogliato la tua galleria di foto di Berlino, cara Valentina, e il rammarico è di non aver più le foto che scattai in Polonia. Erano in bianco e nero come le tue, che sono cariche della testimonianza personale e di una forza rievocativa notevole. Rivedere la tua Berlino mi ha riaperto una ferita. Non aver saputo vedere la realtà che era nitida, non essere stato capace di un giudizio critico serio su ciò che ci circondava, avere accettato con la leggerezza di chi faceva politica perché era di moda una ideologia fallace. Che, sventolata in Italia, era troppo bella per essere vera, come un prodotto finanziario truffaldino. Ma che fuori Italia, dalla Russia alla Cina, dalla Cambogia alla Berlino murata faceva pochissimo per camuffarsi. Eppure noi, daltonici dentro, non accettavamo che quello fosse bianco e nero, e lo coloravamo con la vernice di una passione cieca".

martedì 17 novembre 2009

Tv digitale terrestre: un diktat indigesto

E’ in pieno svolgimento, nel nostro Paese, il passaggio dalla tv analogica a quella digitale terrestre. Senza dubbio un fatto importante, un bel passo avanti nell’innovazione tecnologica. A farne le spese, proprio nel senso di spesa, sono come sempre gli utenti, che devono comprare un decoder o un televisore di ultima generazione con decoder incorporato. Certo, il governo è stato “generoso” concedendo un bonus di 50 euro a chi ha più di 65 anni e un reddito annuo inferiore ai 10 mila euro, e obbligando la quasi totalità dei cittadini a pagare, senza sconti, un altro balzello, compensato sì dalla disponibilità di diversi altri canali (quanto migliorerà la qualità dei programmi è però tutto da vedere), ma che alla fine rappresenta un business, guarda caso, soprattutto per i proprietari di reti televisive. Altre categorie di operatori contenti sono i produttori di apparecchi tv e decoder e, ovviamente, gli antennisti, chiamati a un superlavoro per risintonizzare i ricevitori o riposizionare antenne. Una bella spinta al consumo, per aiutare l’economia del Paese, in uno dei suoi momenti più difficili: come dire, i già pochi soldi delle famiglie, sottratti al risparmio, devono essere spesi per forza anche per un consumo che in questo momento non sarebbe proprio indispensabile. A questo proposito mi piace ricordare un fatto di segno opposto: il ritardo, rispetto ad altri Paesi europei, con cui la tv a colori è entrata nelle case degli italiani (1976) fu causato soprattutto dalla dura opposizione di Ugo La Malfa, segretario del Pri (allora partito di governo), preoccupato invece che le famiglie potessero indebitarsi fortemente per acquistare i primi, costosissimi tvcolor, e il tasso d’inflazione corresse quindi più veloce. Non sono contraria all'innovazione tecnologica (oltre tutto la sto usando adesso, proprio mentre scrivo), ma forse sarebbe meglio, quando si fanno certe scelte, non adottare solo criteri strettamente economici.

domenica 15 novembre 2009

Topolino diventa cattivo. Perché?

Basta con Topolino eroe buono. La Disney ha annunciato nei giorni scorsi che il personaggio preferito da alcune generazioni di bambini in tutto il mondo diventerà cattivo. O, meglio, potrà smettere di essere generoso, altruista, coraggioso e vestire i panni, decisamente più alla moda, del Topo astuto, furbetto, litigioso. Questa trasformazione avverrà nel videogioco Epic Mickey, che Nintendo Wii mettterà in commercio l'anno prossimo, e dipenderà ovviamente da chi giocherà nel ruolo di Topolino.

A Danilo Francescano, esperto e collezionista di fumetti, ho chiesto che cosa ne pensa. Ecco la sua opinione.

"Personalmente, amo i Paperi. Lo confesso, non sono un grande ammiratore di Topolino. Specifico: del Topolino di oggi. Perché se parliamo di quello dei primi anni Sessanta, quello di Romano Scarpa (lo ricordate? È il Topolino della Collana Chiricawa, della Fiamma eterna di Kalhoa, dell’Uomo di Altacraz) o ancor più del Mickey Mouse di Gottfredson, curioso, ottimista e, in fondo, un po’ infantile (nel senso buono del termine), la musica cambia… Non mi piace il Topolino perbenista, cittadino integerrimo, succube dei capricci di una Minnie pettegola, fatua e spesso arrivista. Non mi piace il Topolino che ha perso il senso dell’avventura per l’avventura. Non mi piace il Topolino caricatura di sé stesso.

Per questo, la notizia che Topolino diventerà più cattivo non mi sconvolge per niente.

Oddio, per arrivare a tanta iconoclastia, alla Disney devono essere proprio ridotti allo stremo… Parlando dell’Italia almeno (ma in USA il fumetto disneyano ha da tempo un valore prossimo allo zero: Mickey Mouse è Disneyland e solo Disneyland), tutta colpa di una politica editoriale dissennata e autolesionista, in cui la miopia della vendita a ogni costo, a scapito della qualità, ha determinato la crisi, forse irreversibilile, del fumetto più amato di tutti i tempi. E allora, via con i gadget e con le avventure fintamente sceneggiate dall’attore o dal campione di turno. Via con i tentativi, con le innovazioni spesso cervellotiche, con la ricerca disperata del favore di giovani cui la dimensione alterata e priva di pathos in cui sono precipitati Topolinia (e Paperopoli, purtroppo) non ha più niente da dire. E pensare che sarebbe bastato un po’ di amore per il mondo disneyano per mantenere viva la magia…

E vabbè, vediamo come sarà questo Topolino cattivo. Forse sarà pure gradevole. Forse".

giovedì 12 novembre 2009

Una "nursery" per baby Gelmini

Mariastella Gelmini, ministro dell'Istruzione, ha annunciato di aspettare un bambino. Una bellissima notizia. E subito dopo ha aggiunto: "Quanto mi fermerò? Io non starò a casa neppure un giorno". Peccato, signora mia. Non sa che cosa perde. E che cosa fa perdere a suo figlio. Del resto, in natura è così (vedi mammiferi), e poi non è per sfizio che gli esperti in psicologia infantile da sempre sostengono che la cura e la vicinanza, anche fisica, della madre nei primi mesi di vita sono molto importanti per il bambino. Non si dice che lei debba stare lontana dal ministero per i canonici tre-quattro mesi dopo il parto come una qualunque lavoratrice, ma nemmeno tutto questo zelo....
E, a proposito delle madri che lavorano, dice ancora il ministro superwoman: "Ci sono milioni di mamme che riescono a lavorare e a far bene le due cose a prezzo di qualche sacrificio e di qualche fatica", aggiungendo però che avrà bisogno di una nursery al ministero (come già fu fatto per Irene Pivetti e Stefania Prestigiacomo).
Certamente, signora ministro, e lo dico senza ironia: gli impegni del suo ruolo richiedono una nursery per lei e il suo bambino, nell'interesse della sua famiglia e dei cittadini (che ne pagano anche il costo). Felicitazioni e auguri. Ma vogliamo alleviare finalmente un po' anche il doppio lavoro delle altre madri? A quando, per tutte loro, delle comode nursery aziendali, vicine a casa o al luogo di lavoro?

domenica 8 novembre 2009

Berlino Est, agosto 1972

Alcune altre immagini tratte dal mio reportage. Qui sotto, dall'alto in giù: 1) La porta di Brandeburgo vista da Berlino Est; la quadriga sulla sua sommità in origine guardava a Ovest, dopo la costruzione del muro è stata girata verso Est e così è rimasta anche dopo il 1989; 2) Il "serpentone" del muro, come appariva dall'alto del palazzo sede dell'editore Axel Springer. 3) La mitica Trabant, detta "Trabi" (le due auto bianche, al centro della foto), vettura simbolo della Germania Est. 4) Il lungo e ampio viale Unter del Linden, che conduce alla Porta di Brandeburgo. 5) Il grande monumento a Lenin, nella Leninplatz (oggi Platz der Vereinten Nationen, piazza delle Nazioni Unite), rimosso nel 1989; una riproduzione di questa statua, priva del basamento, è stata al centro di una celebre immagine del film Good bye Lenin). 6) La coda di clienti davanti a un verduraio. 7) La boa, sul fiume Sprea, che segnalava l'avvicinamento al confine.

venerdì 6 novembre 2009

La mia passione per Berlino

Sono molto legata a Berlino. Ho cominciato ad amarla da ragazza, proprio a causa del muro, di quella lunga ferita che attraversava il suo corpo. Osservare quel che accadeva attorno al muro era diventata quasi la mia ossessione. Mi era venuto forte il desiderio di raccontare, di narrare quel che da lontano riuscivo a vedere, anche l’orrore che provavo davanti alle foto dei giovani caduti sotto il fuoco dei Vopo (la Volkspolizei) mentre cercavano disperatamente di oltrepassare il muro. Nel 1961, anno della costruzione del muro, abitavo fuori Milano, in un paesino di campagna dimenticato da Dio. Guardavo alla tv tutti gli “speciali” sul muro. Ritagliavo dal Corriere della Sera (l’unico giornale che entrava allora in casa) tutti gli articoli che parlavano di Berlino, anche la celebre foto di John Kennedy che proclama “Ich bin ein berliner”. Un discorso mediatico, diremmo oggi, ma di grande impatto, davvero forte e importante allora (solo i puristi della lingua tedesca arricciarono un po' il naso per quell’”ein” di troppo). Internet era ancora molto lontana. Per documentarmi, andavo alla Deutsche Bibliothek di Milano, una vera miniera: vi trovavo di tutto (libri, giornali, fotografie, opuscoli di propaganda, eccetera). Leggevo, traducevo quel che potevo, prendevo appunti. Qualche anno dopo, alle superiori, dovetti preparare una ricerca su tema libero. Scelsi il muro di Berlino naturalmente. Oltre al materiale che già avevo, pensai di arricchire il mio lavoro con qualcosa di particolare. Era il mese di maggio. Avevo notato, lungo le sponde del Naviglio Pavese, un campeggio. Quasi tutti turisti tedeschi. Preparai, col mio tedesco scolastico, qualche domanda sul muro di Berlino e, in bicicletta, con taccuino e matita, mi fiondai con entusiasmo giovanile (avevo 14 anni) tra tende e roulottes per conoscere le opinioni di quelle persone su un problema così scottante per il loro Paese. Capii, in quel momento, che cosa avrei voluto fare da grande. Qualcuno non mi prese sul serio, altri sì. Delle loro risposte non compresi molto; alla fine, confesso, mi aiutai anche con un po’ di fantasia. Proprio come certi inviati che ammiravo molto.

Il secondo ricordo è del 1972. Ero una giovane giornalista praticante a Panorama, il primo newsmagazine italiano. Era l'anno delle Olimpiadi di Monaco e in redazione era arrivato un invito dell'Ente nazionale per il turismo tedesco per un breve tour promozionale di quattro giorni riservato alla stampa estera: due giorni a Monaco e due in un'altra città a scelta (naturalmente optai per Berlino). Il direttore, Lamberto Sechi, accettò l'invito e lo passò a me.

Provai un'emozione intensa e indescrivibile. Potei finalmente avvicinarmi al muro, con un accompagnatore attraversai la zona americana a bordo di una Mercedes nera cabriolet degli anni ’50: l'autista aveva l'ordine di avanzare a passo d’uomo (l’auto, per nessun motivo, avrebbe dovuto fermarsi) e io, in piedi, un po' in bilico, con la mia prima Nikon e qualche "dritta" tecnica fornita dall'amico e collega Giuseppe Pino (allora fotografo di Panorama, poi prestigioso ritrattista) scattavo a ripetizione foto in bianco e nero (due delle quali appaiono qui sopra). Altrettanto emozionanti furono il passaggio del Checkpoint Charlie per entrare a Berlino Est e l’avvicinamento su un battello al Glienicker Bruecke (foto piccola), il ponte usato per scambi di spie tra Unione Sovietica e Stati Uniti, in una vera atmosfera da spies-story; poi la visita al grande palazzo di vetro, a ridosso del muro, della Axel Springer Verlag (la casa editrice della Bild Zeitung e di Die Welt, nella foto grande ) dove, all’ultimo piano, nel salone tutto boiserie e fumo di pipa, riservato al circolo dei giornalisti, alle pareti erano appesi manifesti con le foto segnaletiche di ogni componente del gruppo anarchico Baader-Meinhof, e su qualche volto era tracciata col pennarello una grande croce, segno di un'avvenuta cattura. Anche la Germania occidentale stava vivendo i suoi anni di piombo.

giovedì 5 novembre 2009

Berlino: quel muro "doveva" crollare

Vent'anni fa, il 9 novembre, il muro di Berlino è crollato sotto i colpi sferrati con ogni mezzo dai berlinesi (picconi, martelli, qualcuno anche a mani nude).
La monumentale installazione, simbolo della Guerra Fredda tra i due grandi blocchi - occidentale e orientale - che si erano spartiti il dominio del mondo, si è sbriciolata in una notte. In una Berlino dove il clima era già da pieno inverno, la notte si fece calda, piena di promesse.
In oltre ventotto anni, ai piedi di questa odiosa barriera, eretta in un'altra lontana notte, quella del 13 agosto 1961, sono caduti 231 cittadini di Berlino (altri 409 morti lungo tutto il confine tra Germania Est e Ovest). Una barriera di cemento, filo spinato e sangue.
Il linguaggio delle cifre non lascia mai spazio ai sentimenti. Ed era stato il destino dei sentimenti, dei rapporti familiari e affettivi che quel muro avrebbe inevitabilmente frantumato a colpirmi di più (allora ero una ragazza di quattordici anni). Ma i sentimenti dei berlinesi volevano con forza sopravvivere alla tragedia. Famiglie la cui casa, sulla linea di confine, venne divisa in due da una spessa parete di mattoni: i figli di qui, i genitori di là. Finestre che, dal grande viale a Est, guardavano oltre il muro, di colpo oscurate per impedire la visione di un altro mondo, non sempre migliore, ma certamente libero. E poi gli stili di vita: gli ultimi modelli di Opel e Mercedes di qui, le Trabant di là; i rapporti sociali, i grandi magazzini, i caffè, le luci della sera sul Kurfuerstendamm, di qui, il coprifuoco sull'Unter den Linden, di là. Il cinema e il teatro liberi di qui, il cinema e il teatro di regime di là.
I sentimenti alla fine ce l'hanno fatta. Artefice e complice la politica, soprattutto la svolta voluta da Mikhail Gorbaciov, Helmut Kohl e George Bush sr. Con la benedizione di Papa Wojtyla.
Crollato il muro, le famiglie, gli affetti, le amicizie, i rapporti si sono ricomposti, Berlino Est e Ovest sono diventate Berlino e basta; la vita politica, culturale, economica ha ripreso a scorrere nelle strade trafficate della città attraversandola in un incredibile e quasi impazzito moto perpetuo da Est a Ovest, da Ovest a Est. Anche la Germania è tornata a essere una, e senza i fantasmi che il progetto della riunificazione tedesca aveva sempre portato con sé. I problemi non finirono, anzi, altri problemi nacquero proprio in quel momento.
Ma fu la fine di un incubo.

mercoledì 4 novembre 2009

Chi comprerà il nuovo libro di Vespa?

Ventisette anticipazioni in pochi giorni (secondo un calcolo pubblicato oggi da Repubblica). Questo il record delle citazioni, centellinate una per una, del libro di Vespa, in uscita tra due giorni. L'abuso di questa pratica di marketing editoriale, che ha ovviamente lo scopo di suscitare interesse e curiosità dei lettori spingendoli all'acquisto del libro, rischia di trasformarsi in un boomerang.
A meno di una nuova importante rivelazione annunciata, ma non anticipata (tipo la risposta alle dieci domande rivolte al premier da Repubblica), di questo libro si sa ormai tutto. Non è un mio problema (non comprerei comunque questo libro) ma..... chi avrà ancora interesse ad acquistarlo?

Berlusconi dà uno schiaffo a "Panorama"

Ancora un'anticipazione dal libro di Vespa. Il Lodo Mondadori (la pace armata tra Berlusconi e De Benedetti sulla spartizione della Mondadori, raggiunto nel 1991 con la mediazione dei politici, che diede a Berlusconi il controllo della casa editrice di Segrate e assegnò definitivamente a De Benedetti il gruppo Repubblica-Espresso) è un rospo che il premier non ha mai digerito.
Tornando sulla vicenda nell'ennesimo e stracitato libro di Vespa, Berlusconi ha dichiarato che, suo malgrado, dovette cedere alle pressioni di Craxi e Andreotti e lasciare al suo avversario "tutto ciò che era politicamente influente ed economicamente più redditizio (Repubblica, l'Espresso e una catena di diciotto quotidiani locali) e accontentarsi dei libri (Mondadori). Si attende una forte reazione allo schiaffo da parte di Panorama e degli altri periodici di Segrate.
Nella foto, la sede della Mondadori a Segrate (Milano).

martedì 3 novembre 2009

"Quella croce è il segno del dolore umano"

La Corte europea per i diritti dell’uomo ha condannato l’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche perché è una una violazione del diritto dei genitori a educare i figli secondo le loro convinzioni, e del diritto degli alunni alla libertà di religione. Senza entrare nel merito delle motivazioni giuridiche addotte dalla Corte di Strasburgo per affrontare una questione che tocca corde profonde della spiritualità di molti o che suscita, in altri, contrarietà o indifferenza, riporto qui un ampio stralcio dell'articolo di Natalia Ginzburg, pubblicato su L’Unità il 22 marzo 1988 e intitolato: “Quella croce rappresenta tutti. E’ il segno del dolore umano”.

(.....) Il crocifisso non genera nessuna discriminazione. Tace. E’ l’immagine della rivoluzione cristiana, che ha sparso per il mondo l’idea di uguaglianza fra gli uomini fino ad allora assente. La rivoluzione cristiana ha cambiato il mondo. Vogliamo forse negare che ha cambiato il mondo? Sono quasi duemila anni che diciamo “prima di Cristo” e “dopo Cristo”. O vogliamo smettere di dire così?
Il crocifisso è simbolo del dolore umano. La corona di spine, i chiodi evocano le sue sofferenze. La croce che pensiamo alta in cima al monte, è il segno della solitudine nella morte. Non conosco altri segni che diano con tanta forza il senso del nostro umano destino.
Il crocifisso fa parte della storia del mondo. Per i cattolici, Gesù Cristo è il Figlio di Dio. Per i non cattolici, può essere semplicemente l’immagine di uno che è stato venduto, tradito, martoriato ed è morto sulla croce per amore di Dio e del prossimo. Chi è ateo cancella l’idea di Dio, ma conserva l’idea del prossimo.
Si dirà che molti sono stati venduti, traditi e martoriati per la propria fede, per il prossimo, per le generazioni future, e di loro sui muri delle scuole non c’è immagine. E’ vero, ma il crocifisso li rappresenta tutti. Come mai li rappresenta tutti? Perché prima di Cristo nessuno aveva mai detto che gli uomini sono uguali e fratelli tutti, ricchi e poveri, credenti e non credenti, ebrei e non ebrei, neri e bianchi, e nessuno prima di lui aveva detto che nel centro della nostra esistenza dobbiamo situare la solidarietà tra gli uomini.
Gesù Cristo ha portato la croce. A tutti noi è accaduto di portare sulle spalle il peso di una grande sventura. A questa sventura diamo il nome di croce, anche se non siamo cattolici, perché troppo forte e da troppi secoli è impressa l’idea della croce nel nostro pensiero. Alcune parole di Cristo le pensiamo sempre, e possiamo essere laici, atei o quello che si vuole, ma fluttuano sempre nel nostro pensiero ugualmente.
Ha detto “ama il prossimo come te stesso”. Erano parole già scritte nell’Antico Testamento, ma sono diventate il fondamento della rivoluzione cristiana. Sono la chiave di tutto.
Il crocifisso fa parte della storia del mondo.

lunedì 2 novembre 2009

Volete comunicare qualcosa? Ditelo a Vespa

Avete qualcosa da far sapere ai vostri amici, conoscenti, colleghi, vicini di casa, compagni di viaggio eccetera? Ditelo a Vespa. Di sicuro lo riporterà nel libro che sta scrivendo (ne sta sempre scrivendo uno). Spesso lo fa anche Berlusconi, cui i mezzi proprio non mancano. E Vespa si sente lusingato da questo privilegio.
Per esempio, a chi per primo Berlusconi ha detto che continuerà a governare anche se lo condanneranno? A Vespa. A chi ha detto che le riforme (soprattutto quella della giustizia) si faranno comunque, anche senza l'accordo con l'opposizione? A Vespa. A chi ha detto che il Lodo Mondadori fu un'imposizione che dovette subire da Andreotti e da Craxi? A chi ha detto di non essere ricattabile a causa dei suoi comportamenti? Ancora e sempre a Vespa. Il quale fa tesoro di tutte queste anticipazioni, le rilancia come fosse un'agenzia di stampa e ne trae promozione gratuita per il suo ultimo libro.
Da un paio di giorni, ogni Tg che si rispetti dà infatti notizia, e la ripete in ogni edizione, delle ultime dichiarazioni del premier; poi ricorda che sono contenute nel libro di Vespa (in uscita). Ma quanto paga Vespa per questa raffica di spot?

lunedì 26 ottobre 2009

Bersani: occupazione e precarietà al primo posto

Tre milioni di votanti alle primarie hanno scelto Pierluigi Bersani. Le sue prime parole sono state: "Farò il leader a modo mio di un partito d'opposizione e d'alternativa".
Il nuovo segretario del Pd, per caso o per scaramanzia, nella sua prima dichiarazione non ha pronunciato il celebre "ma anche" che evocava troppo da vicino l'esperienza pionieristica e sfortunata di Walter Veltroni. E in un'intervista a radio Cnr, ha aggiunto: "Il primo gesto da segretario sarà quello di occuparmi del lavoro e della precarietà, poiché credo che abbiamo bisogno di riportare la politica ai fondamentali". Lavoro, scuola, sanità e ambiente sono, secondo me, le emergenze che la vita politica dovrebbe affrontare prima di ogni altra. Un impegno da far tremare i polsi. Bersani però parte bene se comincia dalla lotta alla precarietà.
Auguriamo a Bersani di riuscire a realizzare finalmente il sogno di un grande partito popolare che possa dare una svolta determinante alla politica del nostro Paese. Ne abbiamo davvero un gran bisogno.

domenica 25 ottobre 2009

Primarie: il Pd non sia più un bel sogno

Alle primarie del Pd che si svolgono oggi voterò per il coraggio di Dario Franceschini. Se lo merita per aver condotto in porto la segreteria, nel miglior modo possibile, dopo le dimissioni di Veltroni e per la determinazione con cui ha caratterizzato il suo impegno, soprattutto nella lotta alla precarietà del lavoro, uno dei suoi obiettivi primari.
Ho sempre stimato fortemente Pierluigi Bersani, ho sempre sperato che venisse il suo turno, ma ora ho l'impressione che il suo tempo sia passato (inoltre non ha voluto, o non ha potuto, scrollarsi di dosso certi compagni di strada ingombranti).
Apprezzo molto l'outsider Ignazio Marino e la sua campagna per la laicità dello Stato, assolutamente condivisibile, ma ho l'impressione che non basti.
Buon voto a tutti e sosteniamo con forza chiunque vinca, segretario di un partito che deve uscire dalla dimensione del sogno, per diventare una realtà fortemente incisiva sulla nostra società.

Marrazzo, una storia molto amara

Alla vigilia delle primarie del Pd scoppia lo scandalo Marrazzo. Un caso. Nessuno, nel centrosinistra, ha gridato al complotto.
Vorrei distinguere l'aspetto privato di questa storia amara da quello pubblico (benché le due facce abbiano in comune l'obbligo morale da parte di chi ha ruoli istituzionali a tenere comportamenti inappuntabili).
Quel che conta è che il presidente della regione Lazio si sia autosospeso subito (un tecnicismo per consentire che alcune questioni amministrative in itinere possano concludersi; le dimissioni lo avrebbero impedito) confessando la sua debolezza privata.
C'è comunque una differenza radicale di comportamenti tra questa vicenda e quella del premier Berlusconi. Non risulta, per esempio, che Marrazzo abbia promosso i suoi amici transessuali a qualche incarico pubblico.

venerdì 23 ottobre 2009

Montezemolo, il posto fisso, l'uovo e la gallina

"Il problema non è discutere del posto di lavoro fisso. Piuttosto: è meglio avere una disoccupazione alta o un mercato del lavoro flessibile?", ha detto Luca Cordero di Montezemolo.
Cioè, meglio disoccupati o precari? Ma che domanda è?
Sarebbe come dire: "Piuttosto di una gallina che non si potrà mai comprare (un lavoro stabile), è certamente sempre meglio un uovo (la precarietà)". Ma troppe uova fanno venire il mal di fegato, altro che aumentare l'occupazione.
Uscendo dalla metafora, mi sembra più corretto dire che, se la flessibilità è inevitabile, non deve però essere selvaggia e diventare precarietà a vita. L'unica flessibilità lecita è quella controllata e meglio retribuita (meno garanzie, più retribuzione). Quella praticata su vasta scala oggi è solo sfruttamento.

Emma la tosta

Del lavoro fisso Emma Marcegaglia ha detto: "Non si torna indietro". Non se ne parla proprio. Bella forza, perché mai le imprese dovrebbero pagare per sempre un lavoratore 100, quando possono pagarlo 50 solo per il tempo che gli fa comodo?
Sull'annunciata riduzione dell'Irap (l'imposta sulle attività produttive con la quale le regioni finanziano la spesa sanitaria) da parte di Berlusconi, la presidente di Confindustria ha dichiarato: "L'Irap va ridotta subito, ma in prospettiva deve essere eliminata. E' importante in questo momento di difficoltà per le aziende".
Sembra che la crisi tocchi solo le aziende. Il merito è di Emma, bravissima nel suo mestiere, una prima della classe, sempre presente nel difendere con energia la causa degli imprenditori.
E gli altri? Dov'è il sindacato? Quando guarirà dalla sindrome che affligge da tempo tutta la sinistra? Una volta si uniscono Cisl e Uil, ma non la Cgil (non ha firmato la riforma del contratto nel gennaio 2009). Un'altra volta la Cgil è proprio sola (manifestazione del 3/10/09 a Roma in difesa della libertà d'informazione). Infine Cisl e Cgil insieme, senza la Uil (marcia del lavoro a Milano, domani 24/10/09)
Sembra il gioco delle sedie, in cui uno dei concorrenti è destinato a restare sempre in piedi. E non è che agli altri, seduti, vada meglio. Sconfortante.

Ilaria e Miran raccontati da "Blu Notte"

Per programmi come la puntata di Blu Notte, andata in onda venerdì 16 ottobre, dedicata alla ricostruzione del caso di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, vale la pena di pagare il canone Rai.
Carlo Lucarelli, scrittore e conduttore della trasmissione, ha messo in fila tutti i misteri che
hanno accompagnato quindici anni fa l'ultimo viaggio a Mogadiscio dell'inviata del Tg3 e del suo operatore.
Nessuna indagine giudiziaria, nessuna commissione parlamentare, nessun Tribunale è riuscito finora a far luce piena su questa terribile storia cominciata con un'inchiesta sulla cooperazione internazionale ai tempi di Craxi e proseguita esplorando traffici illegali, come quello delle armi e dello smaltimento occulto di rifiuti tossici in Somalia.
Una storia scandita da diversi interventi di Luciana Alpi, la madre che non ha mai smesso di cercare la verità, che racconta anche, con una commozione soffocata da grande dignità, del giorno in cui, anni prima, proprio lei aveva segnalato alla figlia il bando di concorso per nuovi giornalisti Rai. E Ilaria lo aveva stravinto, prima su seimila.
Una puntata di Blu Notte da replicare nelle scuole.

mercoledì 21 ottobre 2009

Berlusconi e il posto fisso

Berlusconi dixit: "Confermo la mia completa sintonia con il ministro Tremonti. Per noi, come dimostrano i recenti provvedimenti presi in questi mesi a tutela dell'occupazione, è del tutto evidente che il posto fisso è un valore, e non un disvalore".
La presa in giro di milioni di precari continua.

martedì 20 ottobre 2009

A proposito di immunità parlamentare

Ricevo dall'amico Renato Frezza, Monterosso al mare (Cinque Terre)
A proposito di immunità parlamentare: è strano come i politici abbiano la memoria corta, soprattutto per le cose che li riguardano.
Era il 1993, Berlusconi e le sue reti televisive facevano il tifo per i magistrati del pool Mani pulite. La Lega girava tra i banchi di Montecitorio con finte forche, mentre quelli di Alleanza nazionale si divertivano a pulire i banchi del palazzo con delle spugne. Ricordate? In nome di un nuovo modo di concepire la politica, ma soprattutto per schivare le monetine che piovevano sulle loro teste, cavalcarono l’antiparlamentarismo popolare. Oggi, non perché si sono rivelati di moralità diversa ma, semplicemente, per evitare d’essere imputati, vogliono rispolverare l’immunità parlamentare. Se la coerenza ha un minimo di significato, mi auguro che dalla piazza si levi uno sdegno cosi grande da far impallidire chi ha intenzione di rimettere in moto questa assurdità. Possibile che non ci si renda conto che, pur valendo il principio della presunta innocenza (che, come giusto, deve accompagnare ogni imputato fino al giudizio finale), ci deve essere anche la possibilità da parte dei Tribunali di poter emettere un giudizio? A sostegno di quanto scritto mi permetto di ricordare che Enzo Tortora (nella foto, al momento dell'arresto) ebbe il grande coraggio e l’immensa dignità morale di affrontare il processo per vedere riconosciuta la sua innocenza piuttosto di rifugiarsi dietro lo scudo dell'immunità (nel corso della sua lunga vicenda giudiziaria era diventato parlamentare radicale).

Sacconi e il posto fisso

Maurizio Sacconi, ministro del Welfare, commentando il sorprendente elogio di Tremonti al posto fisso, ha detto che "il posto fisso non si fa per legge".
Ah già, è la precarietà che si fa per legge.
E poi: "Più che il diritto al posto fisso, bisogna assicurare il diritto alla formazione". Parole sante. Lo dice lui a tutti quei giovani, già "formati" e che non smettono mai di "formarsi", come i ricercatori, oppure a tutti quei ragazzi che si "formano" a spese di costosi master pagati dalle famiglie, tutti con contratti sui quali è impressa la data di scadenza?

Tremonti e il posto fisso

Il ministro per l'Economia, Giulio Tremonti, ha scoperto tutto a un tratto la valenza sociale del posto fisso. Come dire, l'acqua calda.
"Non credo", ha detto a Milano durante un convegno presso la Banca Popolare di Milano, "che la mobilità sia per sè un valore. Penso che, in strutture sociali come la nostra, il posto fisso sia la base su cui organizzare il tuo progetto di vita e di famiglia". (E magari anche un buon supporto per rilanciare, partendo dall'economia famigliare, l'economia del Paese).
Tra le reazioni irritate, irridenti, compiaciute o ironiche del mondo politico, imprenditoriale e sindacale, spicca quella, di buonsenso, di Renata Polverini, segretario nazionale dell'Ugl, che ha detto: "Auspico che questo possa tradursi in un'azione di governo. E' importante riportare la flessibilità sui binari di una stabilizzazione occupazionale".
Mio malgrado, devo per forza fare un po' di dietrologia. Se Tremonti fosse sincero, dopo un decennio di flessibilità selvaggia, non avrebbe fatto adesso questo atto di fede nel posto fisso, ma ci avrebbe pensato fin dall'inizio. Perché allora questa dichiarazione?
Voglia di protagonismo? Voglia di raccogliere intorno a sè la componente populista della sua maggioranza (leggi Lega) per rafforzare un suo nuovo progetto politico alternativo a Berlusconi? Voglia di confondere la carte alla sinistra (che sta aspettando il nuovo segretario del Pd), di scendere su uno dei suoi tradizionali terreni, peraltro molto trascurato dagli ultimi governi di centrosinistra?
In ogni caso una storia brutta perché strumentalizza e ferisce quattro milioni di precari a vario titolo, creando l'illusione che la precarietà, questa metastasi del mercato del lavoro, possa essere arrestata o addirittura sconfitta.

Claudio Magris, un grande italiano

Claudio Magris ci rende orgogliosi d'essere italiani. A Francoforte, poco prima di ricevere il prestigioso Premio della Pace durante la cerimonia di chiusura della Buchmesse, Magris in conferenza stampa ha detto (Repubblica 17/10/09): "Sogno uno Stato europeo capace di parlare con una voce sola. Qualcuno ha paura di un'omologazione, ma una chiusura in se stessi sarebbe molto più pericolosa. I confini sono punto d'incontro. Io amo Trieste, è la mia patria, ma non amo l'ideologia dell'identità: la mia patria è anche il mondo".
E poi: "I confini possono essere una barriera, ma anche un ponte, un luogo d'incontro. Purtroppo, dopo la caduta del Muro, altri muri sono stati eretti, etnici, religiosi, in nome di un micronazionalismo che può essere anche peggiore di nazionalismi di un tempo" (Corriere della Sera 17/10/09).
Il Premio della Pace è un riconoscimento conferito dai librai tedeschi agli scrittori che si sono messi al servizio della pace e del superamento delle barriere tra i popoli. Per la prima volta è stato attribuito a uno scrittore italiano.
Un ampio stralcio del discorso di Magris si può leggere sul sito:

martedì 13 ottobre 2009

Meditate gente, meditate

Con il garbo che lo contraddistingue, il presidente Giorgio Napolitano si è permesso una nota personale parlando a Roma alla conferenza dei prefetti. Rispondendo a chi lo aveva violentemente accusato d'essere uomo di partito, ha ricordato che il suo ruolo nelle istituzioni è cominciato tredici anni fa con la nomina a ministro dell'Interno.
Riflessione: sembra un'epoca lontanissima, eppure c'è stato un tempo in cui il ministro dell'Interno era una persona come Napolitano, l'unico politico di spicco che ci invidiano all'estero. Meditate gente, meditate.

Passata la crisi, gabbato lo santo

Rispondendo a Mario Draghi, governatore della Banca d'Italia, che sollecitava una riforma degli ammortizzatori sociali, anche perché ci sono almeno 1 milione 700 mila lavoratori che ne sono privi, il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, ha detto che la riforma si farà quando sarà passata la crisi (Tg3 del 13 ottobre 2009, ore 19).
Passata la crisi, gabbato lo santo.

venerdì 9 ottobre 2009

Cercasi venditore sottopagato

Ricevo da Fausto Soregaroli, Brescia.
Riporto un annuncio di lavoro che parla da solo: "Stiamo ricercando
per un cliente leader di mercato nel settore telefonia un venditore
che lavori full time presso MediaWorld di Cremona. Requisiti: venditore (minimo di esperienza), uomo/donna da 20 anni in su, disponibile full time da martedì a sabato, ed eventualmente anche la domenica quando il punto vendita è aperto, capacità organizzative e di comunicazione. Retribuzione: 500 euro netti al mese per un minimo di dieci
contratti mensili, più provvigioni dall'undicesimo contratto in su.
Si offre un contratto a progetto di un anno, in seguito rinnovabile.
Le risorse interessate possono inviare il loro curriculum a mattiabiancardi@libero.it, specificando nell'oggetto: "Venditore MediaWorld Cremona".

giovedì 8 ottobre 2009

Berlusconi come Barabba

Berlusconi si sente legittimato a governare perché è stato eletto "dal popolo". A parte il sottile distinguo tecnico-giuridico che non prevede l'elezione diretta del premier in Italia, c'è da dire che, con tutto il rispetto per la sovranità popolare, fondamento della democrazia, essere scelti dal popolo non significa essere legittimati a violare le regole.
Come dice la mia amica Marina, quando si trattò di salvare Cristo o Barabba, "il popolo" scelse Barabba (sopra, in un'immagine tratta da La passione di Cristo, di Mel Gibson)

mercoledì 7 ottobre 2009

Lodo Alfano illegittimo

La Corte Costituzionale poco fa ha dichiarato illegittimo il Lodo Alfano. Ogni tanto una buona notizia.

Metti il lavoro in prima pagina

Riprendo e condivido la richiesta di Fulvio Fammoni, segretario confederale della Cgil, di dare più voce e più spazio sui media, al lavoro e al suo valore sociale. "Nei titoli delle pagine economiche - ha detto Fammoni - è scomparsa in troppi casi la parola 'lavoro'. Farla riapparire è un piccolo gesto dal grande valore simbolico".
A questa proposta aggiungo che sarebbe importante, per esempio, anche istituire una specie di "Borsa dell'occupazione" che renda pubblico, periodicamente, un bollettino che indichi via via lo stato di salute dei posti di lavoro.
E' vero, non sarebbe una notizia incoraggiante leggere ogni giorno
i nomi delle aziende in crisi, l'aumento del numero di disoccupati, cassaintegrati, aziende che chiudono, aziende che abusano dei contratti atipici aumentando la precarietà, ammortizzatori sociali che non bastano (nella foto, il corteo per lo sciopero generale 12/12/08, Roma). Però sarebbe una notizia, utile almeno per rispondere alle falsità di chi impunemente dice che siamo usciti dalla crisi, tutto va bene, bisogna essere ottimisti, meglio da noi che negli altri Paesi, dobbiamo consumare di più, eccetera.

Febbre o raffreddore? Chiamate il dott. Topo Gigio

Tra le norme per la prevenzione dell'influenza A, elencate nella campagna appena promossa dal governo (testimonial Topo Gigio, che i bambini d'oggi, tra l'altro, non conoscono perché hanno altri eroi), c'è anche quella che dice: in caso di febbre, tosse o raffreddore, chiamare il medico di famiglia per una visita a domicilio. Normalmente i medici escono solo quando la febbre è molto alta. Come faranno adesso?

Milano mia, vergogna

La lotta scatenata dalla Lega contro gli immigrati irregolari è una vergogna per Milano. La giunta Moratti ha autorizzato i rastrellamenti di extracomunitari trovati senza documenti di viaggio sui mezzi pubblici. Le persone, fermate dai vigili, vengono chiuse come delinquenti in un autobus blindato dell'Atm, identificate e, in caso di assenza di documenti, denunciate per clandestinità (nella foto, un autobus-prigione).
Scene di straordinaria inciviltà in una città che avrebbe l'ambizione di recuperare la grandezza di una volta. Vergogna.

In caso di stupro: minimizzare

Due casi di stupro, la stessa tendenza: minimizzare. Prima, la raccolta di firme di solidarietà con Roman Polanski, agli arresti in Svizzera per lo stupro di una ragazzina molti anni fa. Poi, le pene piuttosto miti (11 anni e quattro mesi; sei anni) per i due autori dello stupro di una quattordicenne a Roma (la pena di uno dei due comprendeva anche la condanna a quattro anni per una precedente violenza sessuale).
Non si vuole entrare nel merito dell'applicazione della legge, che ha determinato questa sentenza. Per fortuna che lo stupro è ormai considerato (legge n. 66, del 1996) un delitto contro la persona e non più contro la morale.

"Padani" alla conquista del mare

La Lega vuole far tornare il Po navigabile. "Unire Milano a Venezia ha una valenza economica. Vogliamo riportare le aziende lombarde sul mare", ha detto Umberto Bossi.
Dio ci scampi dalla "Padania" che, dopo essersi impadronita politicamente delle sorgenti del maggior fiume italiano, adesso vuole anche uno sbocco al mare.

Casa Bianca: Dalai Lama, ripassi più tardi

Il Dalai Lama è a Washington. Dietro la delusione per il mancato ricevimento del capo del buddismo tibetano alla Casa Bianca, c'è purtroppo tutta la consapevolezza dell'attuale momento difficilissimo del presidente Obama, stretto nella morsa di una crisi economica più grave dal 1929 e di una riforma sanitaria che gran parte degli americani non vogliono.
Fa male pensare a Obama che s'inchina al governo cinese. Pensavamo che la ragion di Stato, nel mondo globale, fosse ormai un principio polveroso. Purtroppo non è sempre così.

sabato 3 ottobre 2009

Scudo fiscale: promosso dagli assenti

Un'occasione mancata e una profonda delusione: questa è stata, per i cittadini onesti, l'approvazione dello scudo fiscale, ieri, con 20 voti di differenza. Ora si fa il processo agli assenti, tutti giustificati naturalmente.
Perché? Qualcuno si aspettava qualcosa da questa opposizione divisa e inconcludente?
E' vero, non mancavano solo i 29 voti degli assenti dell'opposizione (22 Pd, 6 Udc, 1 Idv), mancavano anche 35 voti della maggioranza (31 Pdl, 4 Lega). Se tutti fossero stati presenti, lo scudo fiscale sarebbe passato con uno scarto maggiore, senza sollevare anche questo scandalo (oltre a quello insito nell'esistenza stessa dello scudo).
L'episodio però è significativo. E non mi piace.

Carnevale di Viareggio: Berlusconi giù dai carri

Ricevo dall'amico Renato Frezza, Monterosso al mare (Cinque Terre).

Il carnevale è sempre stata la festa dell’irriverenza durante la quale personaggi del potere, messi sullo stesso piano del popolo, venivano scherniti come qualunque altra persona. Solo durante il fascismo questa innocente pratica venne, per ovvi motivi, sospesa. Ora, non voglio accodarmi a quanti temono in Italia "il pericolo dittatura" ma vien da sé che se, oltre a Santoro e compagni, vengono messi in discussione anche i carri allegorici di Viareggio, una riflessione la devo fare. E’ di pochi giorni fa la notizia, ripresa da un quotidiano, che non solo i carri rappresentanti il premier e le veline sono stati bocciati, ma anche quelli che rappresentavano Maroni e la sua politica sull’immigrazione. Ora, se gridare alla dittatura può sembrare eccessivo, forse perché non ci sono ancora in giro i manganelli, come si può definire il tentativo del centro destra di unificare il pensiero sulla sua politica, escludendo qualsiasi forma di dissenso, tacciando di antitalianità chi osa avere una visione diversa sulla crisi, sull’etica o sulla partecipazione dei nostri militari in missioni all’estero. Ma il dissenso e la possibilità di esprimerlo non sono forse un fondamento portante di una democrazia? Perchè gridare contro la Rai e le sue cosiddette “trasmissioni di parte”? In fin dei conti, se si calcola che gli abbonati Rai sono 15 milioni, non ci vedo nulla di scandaloso se i dubbi di una parte di essi vengono espressi in una trasmissione televisiva. Considerando che il canone è lo stesso, sia per gli elettori di centro destra che per quelli di centro sinistra, lo scandalo sarebbe privare oltre un terzo degli abbonati di un loro punto di riferimento catodico. L’intervista alla D’Addario è stata uno scandalo? Ma scandaloso è semmai che nessuno lo avesse già fatto! Tanto se il Cavaliere non ha paura di denunciare la stampa, perché farsi dei problemi su una escort che può essere tranquillamente citata in giudizio per diffamazione? A meno che..... non si abbia paura che nel giudizio contro la escort si scoprano altarini pericolosi per la morale che si pretende di voler rappresentare.

venerdì 2 ottobre 2009

Belpietro qua, Belpietro là

Non entro nella furiosa polemica su Annozero di ieri sera. Voglio solo sottolineare come, in perfetta coincidenza con la fine del programma di Santoro, sia iniziata la diretta di Porta a porta.
Agli insulti di Belpietro, e di una giovane invasata pidiellina, diretti a Patrizia D'Addario, è seguita immediatamente, tanto per rincarare la dose, la trasmissione di Vespa.
Mirabile esempio di stakanovismo televisivo, Maurizio Belpietro, per servire la causa di Berlusconi col massimo impegno, non era ancora uscito dalla porta di Annozero quando è entrato in quella di Porta a porta. Instancabile, avrebbe infilato anche la porta di Parla con me, ma ormai a quell'ora la Dandini era andata a dormire.

mercoledì 30 settembre 2009

Il Tg1 estrae "pronto dieta" dal sarcofago

A parte l'opportunità di una simile notizia sul Tg1, veniamo alla notizia.
Non so se stasera Tiziana Ferrario, conduttrice del Tg1 delle 20, sapeva che stava lanciando una una notizia ormai mummificata. In un sistema in cui le comunicazioni viaggiano ormai in tempo reale, capita che il Tg1, talvolta, vada a riesumare notizie vecchie, anche di molto, e le spacci per novità.
Mi riferisco al servizio "Diet to go" sul cestino termico contenente i pasti di una giornata, pronti e a calorie controllate, per fare la dieta a domicilio o in ufficio. Bella idea, davvero. Anche utile. Peccato che questa notizia fosse già vecchia due anni fa, quando apparve su Panorama (5/4/07); una rivista femminile (purtroppo non mi viene in mente quale), infatti, l'aveva già data anni prima, quando a svolgere questo servizio non era l'azienda reclamizzata ora al Tg1. Me lo ricordo bene perché, avendo io qualche chilo in più da smaltire, la novità mi aveva colpito.
E comunque, cara Ferrario (peraltro bravissima professionista) non basta dire che "questo servizio di dieta pronta è già attivo nelle principali città italiane" per giustificarsi della relativa freschezza di una notizia che, invece, non è neppure di ieri, ma di diversi anni fa.

martedì 29 settembre 2009

Che coppia Berlusconi-Feltri!

L'arrivo di Vittorio Feltri per la seconda volta alla direzione del Giornale, verso la fine d'agosto, aveva tutta l'aria di uno spiegamento in campo dell'artiglieria pesante. Così aveva scritto Giampaolo Pansa sul Riformista, il 2 agosto, alludendo a future campagne di Feltri contro i big del gruppo Repubblica-L'Espresso.
Ma la realtà sta andando oltre questa previsione. A parte un'accusa di evasione fiscale rivolta al direttore di Repubblica, Ezio Mauro, prontamente respinta al mittente, Vittorio Feltri ha spiazzato tutti mirando invece a obiettivi che, almeno apparentemente, sembrerebbero mettere in imbarazzo il premier e il suo governo. Prima con la vicenda di Dino Boffo (l'ormai ex direttore dell'Avvenire, caduto a causa di una velina anonima, pubblicata da Feltri, perché aveva stigmatizzato i comportamenti pubblici del premier), che ha messo Berlusconi in difficoltà con il Vaticano; poi con la minaccia di rendere pubblico un dossier "a luci rosse", riguardante stretti collaboratori di Gianfranco Fini, buttando benzina sul fuoco dei rapporti tra i due, da tempo molto tesi.
Berlusconi ha preso ufficialmente le distanze rispetto al primo caso; sul secondo, ha traccheggiato senza esporsi troppo.
Ora Feltri, in pieno accordo col suo sodale Maurizio Belpietro, direttore di Libero, ha lanciato una campagna contro il canone Rai (tema su cui si può discutere, ma senza cedere a istanze emotive o populiste). Se qualcuno pensa che Berlusconi sia l'ispiratore di quest'ultima campagna, certamente si sbaglia.
Che coppia Berlusconi-Feltri! E' come se il primo, in una specie di metaforico duello, chiedesse al secondo di colpirlo; il secondo tirasse il colpo; e Berlusconi, con un'abile mossa, lo evitasse. Infine, con nonchalance, scrollandosi la polvere dalle spalle con un gesto della mano (come in un vecchio spaghetti-western), ecco il premier-sceriffo, compiaciuto per la sua prontezza, che si lucida sul petto la stella di "miglior premier degli ultimi 150 anni" e si concede all'applauso dei suoi fans.
Tutto combinato.

lunedì 28 settembre 2009

Opposizione non vuol dire opposizione

Ieri a Milano, in chiusura della festa del Pdl, Berlusconi, riferendosi alla missione italiana in Afghanistan, ha arringato la sua platea inveendo contro "un'opposizione che brucia in piazza le sagome dei nostri soldati, che inneggia a -6". E poi ha concluso: " Non ci stiamo, è inaccettabile avere un'opposizione di questo tipo nel nostro paese. Vergogna, vergogna, vergogna!"
Scusi, ha detto "opposizione"?. "No, non voleva dire opposizione", hanno precisato con candore complice Bonaiuti e Frattini.
Ma certo, l'italiano non è il loro forte: è tutta gente che parla inglese.
E poi, allargando forzosamente il concetto di opposizione: "Berlusconi si riferiva all'opposizione extraparlamentare, non a quella parlamentare".
Oddio, ci sembrava di non avere un'opposizione, invece ne abbiamo due.

Forse "Annozero" ha offeso i minori

Il ministro per lo Sviluppo economico, Claudio Scajola, dopo le sue dichiarazioni contro Annozero, intervistato a New York da Giulio Borrelli del Tg1 (28/9/09, ore 13.30), alla domanda se Annozero debba essere abolita, ha risposto: "No, nessuna censura, ma senso di responsabilità e grande attenzione per un accordo di servizio tra lo Stato e la Rai, in rispetto dei minori e delle persone che guardano la tv, nella storia, nelle tradizioni, nei valori del nostro Paese".
Forse Santoro, parlando di libertà di informazione e di Berlusconi che ha dato del farabutto a tutti quelli che non la pensano come lui, ha mancato di rispetto ai minori, al palio di Siena e a qualche sagra della salsiccia.

Berlusconi è avvisato

Michela Vittoria Brambilla, ministro per il Turismo, era furente. Presentando ieri il bilancio così così della recente stagione turistica in Italia, ha lanciato giustamente i suoi anatemi contro chi, con comportamenti scorretti (per esempio, il ristorante romano "Il Passetto" con la truffa a una coppia di turisti giapponesi), ha infangato l'immagine del nostro Paese.
Ha detto che, d'ora in poi, denuncerà tutti coloro, politici compresi, che recano danno alla nostra immagine all'estero.
Berlusconi è avvisato.

sabato 26 settembre 2009

Prof. Ichino, ci sono anche i precari

Leggo sempre con interesse i commenti del prof. Pietro Ichino, giuslavorista e senatore Pd.
In quello, sotto forma di lettera, pubblicato sul Corriere della Sera di ieri, 25 settembre, il professore, denunciando i pochi aiuti ai lavoratori (mentre le risorse a disposizione della Cassa integrazione risultano invece abbondanti) cita sempre genericamente "i lavoratori", come se ci fosse un'unica categoria di lavoratori alle dipendenze di un'azienda. Del grande pianeta del precariato non fa alcun cenno. Eppure i precari, che già sono precari, nel caso perdano il lavoro hanno anche un trattamento ridicolo: un'indennità una tantum pari al 20% del reddito da lavoro conseguito l'anno prima (mediamente un precario guadagna 1000 euro al mese; fate un po' i conti). Poi che cosa faranno?
I più fortunati potranno trovare un altro posto (assai difficile di questi tempi); altri, se possibile, verranno aiutati dalla famiglia; e gli ultimi?
"Non lasceremo indietro nessuno" è la parola d'ordine di questo governo. Ma chi gli crede?
Il precariato sembra ormai non interessare più nessuno, salvo i precari e le loro famiglie. Lo si dà per scontato, frutto, prima della globalizzazione, poi della crisi globale.
Voglio ricordare qui brevemente di che cosa si tratta.
Il lavoro precario è il contrario del lavoro garantito. E' regolato da alcune tipologie contrattuali. Quella preferita dalle aziende (e si capisce subito perché) è quella detta "co.co.pro", cioè collaboratore continuativo a progetto. Un contratto da "co.co.pro" scade ogni tre, sei mesi, un anno per i più fortunati. Non dà diritto a ferie; l'assenza per malattia sì, ma solo in caso di ricovero; l'assenza per maternità è riconosciuta, ma poi alla lavoratrice normalmente non viene rinnovato il contratto; di pensione non parliamo.
Il lavoro precario non dà sicurezza per il futuro dei giovani e delle famiglie (dove sono quelli del Family day?).
Inoltre non si vuole controllare la legittimità di certi contratti "a progetto". Quanti sono i veri contratti "a progetto"? Lo sa il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, quante sono e quali sono le aziende che impiegano questi contratti "a progetto" illegalmente, cioè ne abusano, imponendo poi al lavoratore un lavoro di tipo subordinato, e non di collaborazione, e pretendendo da lui le stesse prestazioni di un dipendente assunto a tempo indeterminato?
Stimoliamo i giovani a studiare, a formarsi. A prezzo di sacrifici le famiglie si accollano i costi, anche elevati, di corsi, università, laboratori, seminari, master, stages all'estero. E poi?
Qui non si vuole demonizzare la flessibilità, ma la flessibilità va regolata, non deve diventare precarietà. In altri paesi (Danimarca, Stati Uniti, eccetera) al lavoratore "flessibile", uno che si mette in gioco tutti i giorni, viene riconosciuta mediamente almeno una retribuzione più elevata, proprio perché corre il rischio, a scadenza, che non gli venga rinnovato il contratto. Da noi, invece, i lavoratori "flessibili" non hanno alcuna garanzia, cioè sono lavoratori di serie B. In barba alla Costituzione.
Perfino Ichino s'è dimenticato di loro parlando ieri sul Corriere di ammortizzatori sociali.

venerdì 25 settembre 2009

Socrate, detto "Kit Kong", anche al Tg1

Per chi avesse perso ieri al Tg2 il servizio su Socrate, il gatto inglese obeso, ecco che stamattina nell'edizione delle 8 del Tg1, "Kit Kong" (come è ormai chiamato a causa della sua mole) ha avuto di nuovo l'onore della ribalta televisiva. Stesso corrispondente (Masotti), stesso servizio. Aggiungo un dettaglio che ieri mi era sfuggito.
Masotti ha riferito che, una volta che Socrate sarà tornato al suo peso forma (dopo una severa dieta che lo priverà degli adorati biscotti e del formaggio Cheddar di cui è ghiotto), il suo padrone potrà partecipare al concorso che premia chi ha migliorato e allungato l'aspettativa di vita del suo animale. Così, ha concluso il corrispondente da Londra, Socrate potrebbe diventare una star. Potrebbe?
Salvo qualche coraggiosa e meritevole eccezione, che pena questo servizio pubblico!